Pages Menu
Categories Menu

Posted on Giu 2, 2016

Incentivi al via per il Conto Termico 2.0

Incentivi al via per il Conto Termico 2.0

Via libera alle domande relative al Conto Termico 2.0, entrato in vigore il 31 maggio 2016, con un meccanismo rinnovato che comprende nuovi interventi e prevede procedure più semplici e tempi di erogazione più rapidi. Le risorse, che ammontano a 900 milioni di euro l’anno, di cui 200 milioni per la PA e 700 milioni per privati e imprese, sono destinate ad incentivare interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Le novità introdotte dal DM 16 febbraio 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 51/2016, rispetto alla precedente versione del meccanismo incentivante previsto dal DM 28 dicembre 2012, sono numerose e riguardano, per esempio, l’ampliamento della gamma di interventi incentivabili con l’inclusione della sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con sistemi ibridi a pompa di calore (con caldaie a condensazione).

Tra le novità apportate dal nuovo decreto si ha:

  • taglia massima degli impianti per la produzione di energia termica da rinnovabili che passa da 1 MW a 2 MW;
  • incremento al 50% dell’incentivo per gli interventi di isolamento termico nelle zone climatiche E/F che, se accompagnato dall’installazione di un nuovo impianto di climatizzazione invernale, diventa il 55% per entrambi gli interventi;
  • incentivo pari al 65% in caso di trasformazione in “edificio a energia quasi zero” e di sostituzione dei sistemi di illuminazione con dispositivi efficienti;
  • incentivazione al 50% per le spese per le diagnosi energetiche e la redazione dell’Attestato di Prestazione Energetica (APE) fatte da privati, richiesti per la trasformazione in edificio a energia quasi zero e l’isolamento termico delle superfici opache;
  • termini per l’erogazione dell’incentivo dalla conclusione della procedura da 180 giorni a 90 giorni.